Struttura di un piano di marketing digitale nel 2020

Passaggio 1: Analisi della situazione

È necessario prima di tutto effettuare un’analisi interna ed esterna dell’azienda. L’analisi SWOT (punti deboli, minacce, punti di forza e opportunità) può essere molto utile. Attraverso questa avrai una visione completa del mercato, delle risorse, della concorrenza, dei punti di forza e di debolezza e di un iniziale posizionamento aziendale.

Inoltre, è necessario condurre uno studio interno per sapere qual è la situazione della nostra azienda sul piano digitale: il nostro sito Web è orientato al cliente? L’usabilità e l’esperienza di navigazione sono buone? Aggiorniamo periodicamente il nostro blog? Qual’ è il posizionamento attuale del nostro sito Web? E la nostra presenza nei social network?

Passaggio 2: Impostare gli obiettivi di marketing digitale

Una volta chiarito il tuo posto nel mercato e quali sono i tuoi punti di forza, lavora per stabilire gli obiettivi per essere chiari su dove dovresti dirigere tutte le tue azioni. Tutto ciò che pianifichi deve essere orientato al raggiungimento di questi obiettivi.

Puoi guidare te stesso, nello sviluppo di questa parte del tuo piano di marketing, attraverso gli obiettivi che devono essere in formato SMART: ovvero obiettivi specifici, misurabili, realizzabili, realistici e temporanei.

Passaggio 3: Definire la strategia di marketing

Una volta definiti gli obiettivi aziendali, cosa hai intenzione di fare per raggiungerli? La personalizzazione sta diventando sempre più importante nel marketing digitale. Pertanto, quando si definisce la strategia del piano marketing da eseguire, è necessario tenere conto di questi fattori:

Segmentazione del pubblico target:

Sapere chi vuoi contattare, quali sono i loro gusti, bisogni o preferenze, dove stanno cercando di coprire, ecc. È tempo di creare il tuo acquirente.

Posizionamento:

Per ottenere un buon posizionamento, è importante che tu sia molto chiaro facendo ben comprendere in che cosa consiste la tua proposta di valore. In breve, perché il consumatore dovrebbe scegliere te e non la concorrenza. È necessario sapere come comunicherai il tuo valore differenziale e come farlo attraverso i diversi canali in cui è presente il tuo pubblico (social network, blog, e-mail, ecc.).

 Ricerca per parole chiave:

Si tratta di identificare le parole chiave giuste per usarle correttamente nei nostri contenuti per migliorare naturalmente (non attraverso il pagamento) il nostro posizionamento (SEO). Indispensabile in qualsiasi strategia di contenuto se desideri che gli utenti ti trovino attraverso i motori di ricerca.

Calendario dei contenuti:

Un calendario dei contenuti è fondamentale per la tua strategia. Aggiunge valore, ti permette di pensare a lungo termine e ottimizzare le risorse, aiuta a generare idee, ecc. In un calendario dei contenuti è necessario includere la data di pubblicazione, l’autore, l’idea del post, la parola chiave, i tag da utilizzare / tenere in considerazione, ecc.

Pubblicazione sui social:

Scrivere un articolo e non diffonderlo sui social network è un errore. Non si tratta di “spamming”, ma di avere un piano con cui decidere cosa pubblicare e quando in ogni social network con le copie ideali per ognuno di essi e tenendo conto del numero di caratteri, link, hashtag da utilizzare, eccetera.

Inoltre, è necessario prendere in considerazione:

Come sta il tuo pubblico.

Di quali argomenti parlerai.

Che tono hai intenzione di usare.

Quanto spesso pubblicherai.

Passaggio 4: strategie e tattiche digitali

A seconda dei nostri obiettivi (attrazione, conversione e fedeltà) implementeremo alcune strategie o altre: campagne di email marketing, social network, CRM, ottimizzazione web, strategie SEO – SEM, pubblicità a pagamento, ecc.

Oggi, tenendo conto del fatto che i canali da gestire e le informazioni che otteniamo dai clienti sono sempre più abbondanti, è importante utilizzare gli strumenti di automazione del marketing che ti consentono di automatizzare le tue campagne di marketing.

Grazie a loro puoi creare flussi di lavoro che ti permetteranno di creare centinaia di campagne con pochi clic. È possibile personalizzare i messaggi in base al personaggio dell’acquirente, moltiplicando le possibilità di successo; e, inoltre, portali, mentre interagiscono con il tuo marchio, verso il momento dell’acquisto.

La tecnologia è diventata uno strumento di base quando si tratta di attuare strategie digitali, quindi è importante imparare a trarne il massimo.

Passaggio 5: KPI e misurazione del marketing digitale

Dopo aver progettato e implementato la tua strategia di marketing digitale, il lavoro non è finito, il passo successivo è uno dei più importanti: analizzare i risultati. Analytics è diventato un pilastro fondamentale per l’ottimizzazione dei risultati e degli investimenti.

Ogni azione e i relativi risultati devono essere misurati attraverso KPI diversi per sapere se abbiamo ottenuto il ROI previsto. Misurare l’efficacia delle azioni e delle strategie messe in atto ci aiuterà a correggere ciò che non funziona per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Assicurati di avere un buon sistema di visualizzazione dei dati in tempo reale. Il mondo digitale si evolve molto velocemente, quindi devi essere vigile in ogni momento per poter identificare opportunità e miglioramenti all’istante.

Allo stesso modo, tieni presente che la tecnologia può diventare il tuo miglior alleato per creare campagne di marketing personalizzate, automatizzate e quindi di successo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *